Il massaggio decontratturante

Il massaggio decontratturante: cosa è

Il massaggio decontratturante è un insieme di manovre pensate per manipolare muscoli contratti e tesi in una specifica parte del corpo.

È un trattamento molto diffuso tra gli atleti che sono più soggetti a contrarre disturbi di natura muscolare.

Tuttavia le contratture possono presentarsi su qualsiasi individuo, anche per cause apparentemente banali, quali un movimento brusco o inopportuno, provocando una condizione di dolore acuto.

Il massaggio decontratturante, che per alcuni tratti ricorda il massaggio svedese base, rispetto a questo richiede l’esercizio di una pressione più intensa, e può essere praticato solo da operatori preparati e formati su entrambe le tecniche.

Il massaggio decontratturante: a cosa serve

Le principali patologie muscolari che possono essere trattate con il Massaggio Decontratturante sono:

  • Contratture da trauma diretto (Le lesioni muscolari da trauma diretto sono quelle che affliggono principalmente chi pratica uno sport da contatto con avversario in cui il trauma è provocato da un’azione diretta. La loro classificazione è possibile sulla base del grado di gravità: leve, moderato o severo.
  • Contratture da trauma indiretto (possono essere generate da forze lesive di diversa natura e sono distinguibili:
    • Stiramento
    • Strappo
    • Contrattura.

È importante tenere presente che tra le cause di una contrattura oltre all’attività sportivo possono esserci altri fattori come tensione emotiva e disturbi posturali e/o anatomici.

Per questo motivo è sempre molto importante affidarsi a personale preparato e competente, in possesso dei requisiti riconosciuti a livello nazionale per la pratica del Massaggio Decontratturante.

 

Vuoi anche tu acquisire la qualifica di Massaggiatore Professionale?
Vuoi acquisire il Diploma di Massaggiatore Sportivo?

Entra nella nostra Offerta Formativa e guarda il Calendario dei Corsi in programma nei prossimi mesi.
Non esitare a contattarci per qualsiasi curiosità!


Leave a Reply